Il K-pop dovrebbe smettere di sfruttare i fan a scopo di lucro

È opinione diffusa tra gli esperti culturali coreani che le società di intrattenimento dovrebbero ampliare le proprie strategie di business invece di dipendere esclusivamente dallo sfruttamento dei propri fan.

Essendo un devoto appassionato di K-pop, Lee Eun Soo (25, Corea del Sud) è stato un fedele acquirente di album, un accanito sostenitore della musica online e un frequente acquirente di prodotti a tema idol tra cui bastoncini luminosi, poster, magliette e altri prodotti. Portachiavi. Nonostante la sua incrollabile passione per il K-pop, Lee nutre dubbi sulla sostenibilità a lungo termine del settore, citando le eccessive richieste finanziarie poste ai fan dalle aziende. Crede che le società di gestione siano ben consapevoli di come capitalizzare l’amore dei fan ed estrarre continuamente denaro da loro.

negozio bts

Nonostante il suo innegabile successo globale, il K-pop fa molto affidamento su una base di fan piccola ma devota. Questa dipendenza da un numero limitato di fan per generare profitti ha sollevato preoccupazioni sulla sostenibilità a lungo termine del settore, come riportato dal Korea Herald.

Spesa eccessiva

L’assetto sbilanciato dell’industria K-pop può essere osservato attraverso le vendite di album da record. Nonostante la maggior parte delle persone passi alle piattaforme di streaming musicale online, il mercato degli album fisici per il K-pop continua a prosperare. Ciò è stato esemplificato nel 2023, quando il gruppo maschile Seventeen ha battuto il record di aver venduto 16 milioni di album. Secondo la Hanteo Chart, il loro mini-album “Seventeenth Heaven” ha venduto 5,09 milioni di copie nella prima settimana di uscita in ottobre, diventando così l’album più venduto nella storia del K-pop.

Nonostante il notevole aumento delle vendite di album dovuto all’espansione globale dei gruppi K-pop, gli esperti del settore sottolineano che questi risultati dipendono in gran parte dai continui acquisti dei fan. Il critico culturale Lim Hee-yun sottolinea che, sebbene l’album di Seventeen sia stato il più venduto a livello globale nel 2023, la loro classifica su Spotify, la più grande piattaforma di streaming, non è rimasta così alta. Ciò dimostra che il consumo effettivo di K-pop potrebbe non essere sempre in linea con le vendite degli album.

diciassette album

Implementando tattiche come l’inclusione di foto di membri diversi in ogni album e incoraggiando i fan ad acquistare più copie per raccogliere tutte le foto dei loro membri preferiti, l’industria dell’intrattenimento ha perpetuato un consumismo eccessivo. Ciò è risultato evidente il 30 aprile a Shibuya, Tokyo, dove sono stati scoperti numerosi album scartati dei Seventeen, evidenziando la natura dispendiosa del settore commerciale K-pop. Alcuni fan acquistano addirittura centinaia di album esclusivamente per le foto, per poi smaltirli in seguito.

Affrontare le relazioni sbilanciate

Secondo gli esperti, l’eccessiva dipendenza da un particolare gruppo di consumatori sta minando la forza del K-pop, con conseguenze negative come la diminuzione della sua credibilità, l’invasione della privacy delle celebrità e un carico di lavoro eccessivo per le star del K-pop. Nel 2023, quando i Billboard Music Awards hanno aggiunto una categoria K-pop, hanno implementato una nuova regola che esclude più download della stessa canzone dalle classifiche e conta solo un download a settimana. Questa modifica è stata apportata per ridurre l’impatto degli acquisti di massa di album e della manipolazione del numero di visualizzazioni da parte dei fandom, indicando che l’industria musicale globale vede queste azioni come indicazioni di lealtà dei fan piuttosto che del vero valore della musica. Il critico culturale Kim Hun-sik elabora questa nuova regola, affermando che il suo scopo è contrastare la

miniatura weverse

Una questione preoccupante è l’elevato livello di intimità promosso tra fan e celebrità. L’emergere di piattaforme come Weverse, Bubble e Fromm ha portato a un’impennata dei messaggi privati ​​tra fan e idol. Ciò ha suscitato critiche da parte di alcuni fan che ritengono che gli artisti non siano abbastanza coinvolti su queste piattaforme, portando a preoccupazioni che gli idol vengano costretti a interazioni a pagamento. Secondo il critico Lim Hee-yun, gli idol affrontano un’enorme tensione psicologica a causa di queste aspettative.

Questo livello di intimità ha portato alcuni fan a oltrepassare i confini e a intromettersi nella vita personale delle celebrità. Ad esempio, Karina di Aespa è stata criticata dopo aver annunciato pubblicamente il suo coinvolgimento romantico con l’attore Lee Jae-wook. Successivamente ha condiviso una lettera di scuse scritta a mano, ma la relazione è finita entro un mese. Il critico Kim Hun-sik sottolinea che la radice del problema risiede nel modello di business distorto che sfrutta sia i fan che gli artisti, piuttosto che i cantanti o i loro contenuti stessi.

Importanza di diversi modelli di business

Paradossalmente, questo sistema distorto ha giocato sia un ruolo centrale che un’ombra oscura nella crescita del K-pop. Un ventenne appassionato di K-pop trova le attività dei fan incredibilmente accattivanti, affermando: “Il senso di coinvolgimento nel supportare un artista, il sentimento di cameratismo tra i fan e la collaborazione per aumentare le classifiche degli idoli sono tutti aspetti allettanti”. Il critico Lim Hee-yun spera che il K-pop possa incorporare altri valori pur preservando queste attività. “Vedere innumerevoli album scartati potrebbe aumentare la consapevolezza sulle preoccupazioni ambientali, e la reazione contro gli appuntamenti con gli idol potrebbe aumentare la consapevolezza sui diritti alla privacy delle celebrità, esercitando pressioni sulle aziende affinché affrontino questi problemi. I fan possono fungere da catalizzatore per il cambiamento”, suggerisce Lim.

negozio bts

Secondo Kang Hye-won, professore in visita presso il Dipartimento di Cultura e Tecnologia dell’Università di Sungkyunkwan, i gruppi K-pop dovrebbero prendere in considerazione l’implementazione di strategie commerciali diversificate. Invece di fare affidamento esclusivamente sulla costruzione di una base di fan dedicata per i profitti, suggerisce che i gruppi esplorino approcci alternativi come dare priorità al coinvolgimento dei fan o enfatizzare le esibizioni dal vivo.

Secondo il critico culturale Kim Hun-sik, la radice della crisi del K-pop risiede nel suo modello di business. Afferma che le aziende devono smettere di sfruttare i ventilatori e concentrarsi invece sulla crescita qualitativa piuttosto che sulla semplice espansione delle dimensioni. Ciò può essere ottenuto solo cambiando il modo in cui i fan vengono trattati e interagiscono, poiché non dovrebbero essere visti esclusivamente come mezzo di profitto. Apportando questi cambiamenti, il K-pop può diventare un’industria sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *