Nel 2025 sono previsti enormi cambiamenti nel mondo degli eSport di LoL, che potrebbero avere un impatto su fino a 30 squadre professionistiche

“Il mondo degli eSport di LoL sta attraversando i cambiamenti più significativi finora, poiché vengono apportati aggiustamenti per garantire la longevità e il successo degli eSport. Questi cambiamenti mirano a trovare un modello più sostenibile simile a quello di Valorant.”

Il panorama globale degli eSport di LoL è in continua evoluzione, dal processo di redazione delle squadre alla loro qualificazione per eventi internazionali. Ciò include non solo il gameplay in sé, ma anche la struttura generale che circonda lo sport.

Nonostante la mancanza di cambiamenti strutturali significativi nelle leghe delle regioni principali come LCK, LPL e LEC, le recenti mosse hanno portato cambiamenti significativi nelle leghe delle regioni minori e nella LCS, facendole apparire molto diverse dal loro stato precedente.

A partire dai campionati multiregionali, l’Americas League sarà divisa in due conference: Nord e Sud. La conferenza Nord includerà sei delle attuali squadre LCS, con due squadre a rischio di eliminazione. La CBLOL ha attualmente 10 squadre, il che significa che quattro squadre rischiano la potenziale rimozione.

Successivamente, a ciascuna conferenza verrà assegnata una singola squadra LLA in base alla collocazione regionale. Poiché la LLA è composta da sei squadre, ciò comporterà l’eliminazione di quattro squadre dalla conferenza.

Lee Aiksoon/Riot Games

Josedeodo, uno dei giocatori più popolari della LLA, potrebbe tornare a competere contro le squadre LCS nel 2025.

Oltre alle squadre tagliate, ogni conference avrà anche uno spazio per la retrocessione. Ciò offre una possibilità realistica a qualsiasi squadra tagliata di qualificarsi per la propria conferenza attraverso la competizione di livello 2. Inoltre, le organizzazioni di creatori di contenuti ora hanno l’opportunità di competere per la promozione. Ciò significa che MrBeast può finalmente realizzare il suo sogno di ingaggiare una squadra della Lega.

Tuttavia, va notato che il posto bonus nella conferenza sarà valido solo per una stagione. Dopodiché la squadra dovrà guadagnarsi nuovamente il posto altrimenti rischierà di perderlo. D’altra parte, alle squadre in franchising verrà garantito un posto nei rispettivi campionati e non andranno incontro alla retrocessione.

Successivamente ci sarà il campionato APAC, che sarà composto da squadre provenienti da ogni regione di livello 2 dell’Asia, nonché da squadre dell’Australia. Tra LCO (AUS), VCS (Vietnam), PCS (Asia-Pacifico) e LJL (Giappone), solo un totale di otto squadre comporranno il campionato.

La proposta Lega APAC implementerà il proprio processo di selezione delle squadre e le procedure per le squadre da promuovere o retrocedere all’interno del campionato. Tuttavia, ciò potrebbe anche portare all’eliminazione di diverse squadre.

Il totale complessivo delle squadre nei quattro campionati di livello 2 sopra menzionati è 28 (otto in LCO, sette in PCS, sei in LJL e sette attualmente in VCS).

Nonostante lo scandalo delle partite truccate del VCS che ha causato scompiglio all’interno della lega e la decisione di Beyond Gaming di ritirarsi dal PCS a causa di vincoli finanziari, è chiaro che il consolidamento delle regioni è un risultato logico.

Colin Young-Wolff/Riot Games

Ciò implica anche che un minimo di 20 squadre nell’APAC verranno rimosse dal loro ecosistema e dovranno riqualificarsi senza il sostegno finanziario che una lega ben rappresentata può fornire.

C’è la possibilità che le squadre che non sono selezionate per questo nuovo formato abbiano ancora la possibilità di qualificarsi al Tier 2, ma la competizione per quel posto sarà intensa.

Se nessuna delle squadre rimosse dalle attuali strutture delle leghe di eSport LoL avrà successo, un totale di 30 squadre verranno spostate. Ciò renderà molto più difficile per queste organizzazioni assicurarsi sponsor e sopravvivere.

Inoltre, l’anno inizierà un nuovo evento internazionale con cinque squadre, ciascuna rappresentante uno dei campionati regionali di nuova costituzione (Americhe, LEC, LCK, LPL, APAC). Queste squadre si qualificheranno per competere nell’evento.

Il numero di squadre partecipanti all’MSI sarà ridotto a 10, con due squadre in rappresentanza di ciascuna delle cinque regioni. Allo stesso modo, i Mondiali avranno ora un totale di 17 squadre, con uno slot riservato ai campioni MSI, uno slot aggiuntivo per la regione con le migliori prestazioni e tre slot per ciascuna delle cinque regioni.

Inoltre, l’implementazione del Fearless Draft, che mescola i campioni utilizzati nel gioco professionistico, aggiungerà sicuramente entusiasmo alla competizione per le squadre rimanenti.

Queste modifiche possono promuovere la sostenibilità complessiva. Tuttavia, potrebbero anche portare a lasciare indietro diverse squadre e a ridimensionare significativamente il settore degli eSport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *